Skip to Content
2021 ANNO INTERNAZIONALE DELLA FRUTTA E DELLA VERDURA: SULLA TAVOLA DEGLI ITALIANI VINCONO FRUTTA E VERDURA (SOPRATTUTTO FROZEN). NEL 2020, BOOM DI CONSUMO DI VEGETALI SURGELATI (+10,5%), IN LINEA CON LE NUOVE TENDENZE ALIMENTARI

2021 ANNO INTERNAZIONALE DELLA FRUTTA E DELLA VERDURA: SULLA TAVOLA DEGLI ITALIANI VINCONO FRUTTA E VERDURA (SOPRATTUTTO FROZEN). NEL 2020, BOOM DI CONSUMO DI VEGETALI SURGELATI (+10,5%), IN LINEA CON LE NUOVE TENDENZE ALIMENTARI

  • In occasione dell’Anno internazionale della frutta e della verdura, l’IIAS - Istituto Italiano Alimenti Surgelati – rende noti numeri e trend di consumo dei prodotti “sottozero” di un segmento merceologico divenuto sempre più protagonista sulle tavole degli italiani
 

  • I nuovi modelli alimentari diffusi negli ultimi anni (flexitariani, vegani, fruttariani, …), insieme a una crescita di consumi delle proteine vegetali, hanno sostenuto i trend di consumo di frutta e verdura, soprattutto in versione frozen. Nel 2020, i vegetali surgelati hanno registrato una crescita a doppia cifra (+10,5% sul 2019) con 251.940 tonnellate commercializzate, confermandosi leader del comparto. Ottima anche la performance della frutta surgelata, che nel 2020 è aumentata del +6,2% nel retail.

 

  • Una tendenza confermata anche nei primi 8 mesi del 2021, che mostrano un andamento dei consumi “frozen” stabile sull’anno precedente: un ottimo risultato, soprattutto se paragonato a quello generale dei prodotti “freschi,” che registrano invece un calo nei volumi di consumo.

 

  • Molto apprezzato dai consumatori il ruolo “anti-spreco” dei vegetali sottozero, in grado di ovviare al problema della facile deperibilità dei prodotti freschi e alla produzione di scarti in cucina, con un minor consumo di acqua e di risorse energetiche, a tutto vantaggio per l’ambiente

Il 2021 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite l’Anno internazionale della frutta e della verdura: due alimenti fondamentali per una dieta sana e bilanciata, molto amati dagli italiani, anche in versione frozen. Nel corso dei 12 mesi del 2020, il totale di frutta e verdura consumate dagli italiani ha di poco superato i 6 milioni di tonnellate, pari cioè a 233 kg a famiglia[1]. Una tendenza “salutista” che trova riscontro soprattutto nel comparto sottozero: leader assoluti del settore si confermano i vegetali, che nel 2020 conservano il loro primato, rappresentando oltre il 42% del consumo domestico di tutti gli alimenti surgelati, e che, nei primi 8 mesi del 2021, mostrano un andamento dei consumi sostanzialmente stabile sull’anno precedente. Un ottimo risultato a conferma del gradimento degli italiani nei confronti di questa tipologia di prodotti, risultato che acquisisce ancora più valore se si considera, invece, che il consumo di frutta e verdure freschi nel 2021 sta registrando una contrazione importante del volume.

Anche la frutta in versione “frozen” cresce nel 2020 del +6,2%: un trend di sviluppo che merita di essere sottolineato, pur trattandosi di volumi più contenuti rispetto ai consumi di altri segmenti. È quanto rivela l’IIAS- Istituto Italiano Alimenti Surgelati, che ha reso noti numeri e tendenze di questo comparto merceologico divenuto sempre più protagonista sulle nostre tavole.

 

“La pandemia ci ha reso più consapevoli e attenti a quello che mangiamo”, commenta Giorgio Donegani, presidente IIAS. “Nell’ultimo anno, il cibo è divenuto motore dei cambiamenti delle abitudini alimentari degli italiani. Con l’aumento del tempo trascorso in casa, la ritrovata voglia di fare la spesa, cucinare e sperimentare nuove ricette, oggi ‘mangiare’ non è solo una semplice necessità. Il cibo è divenuto sinonimo di soddisfazione e di piacere, di condivisione e convivialità, ma anche di salute e cura di sé. E proprio in quest’ottica, molti hanno colto l’occasione per modificare in meglio il proprio regime alimentare: il 53% ha aumentato il consumo quotidiano di frutta e verdura[2]; un incremento che ha inciso positivamente soprattutto sul comparto frozen: nel 2020, infatti, i vegetali surgelati hanno registrato una crescita a doppia cifra (+10,5% sul 2019) con 251.940 tonnellate commercializzate”.

 

Nell’ultimo anno, l’esigenza di consumare prodotti salubri e sicuri, la tendenza al risparmio e al contenimento degli sprechi, il bisogno di una “gratifica” quotidiana, la sostenibilità sociale ed ambientale sono stati i principali driver d’acquisto nelle scelte alimentari, influenzando l’andamento di ogni singolo segmento merceologico, anche nel comparto surgelati. A trainare la crescita dei vegetali sottozero sono stati soprattutto i vegetali preparati (cresciuti del +24,2%), seguiti da zuppe e minestroni (+ 15,4% nel 2020): un risultato che suggerisce il ruolo di “comfort food” attribuito dagli italiani a queste preparazioni, di pari passo con una richiesta di benessere e di elevati contenuti nutrizionali che da sempre accompagna il comparto. Si consolida, inoltre, la tendenza che vede crescere il consumo di proteine vegetali: un orientamento ormai generalizzato nel quale il mondo dei surgelati si inserisce con una crescente gamma di offerta. Secondo le più recenti rilevazioni Coop-Nomisma, infatti, si fanno strada in questo contesto anche nuovi prodotti in cerca di “nuovi consumatori”: tra questi non mancano i prodotti surgelati a base vegetale, che nel 2021 crescono del +35% sul 2020[3].

 

Evidenze coerenti con le ultime tendenze emerse in ambito food: già nel 2019 Eurispes aveva rivelato un incremento dei flexitariani (ovvero di coloro che prediligono sempre più proteine vegetali nella dieta); nel 2020, la crescita dei vegani in Italia è stata del +9% e gli Italiani che oggi seguono una dieta vegana hanno raggiunto quota 1,5 milioni[4]; infine, stando ai dati dell’ultimo Rapporto Coop, il paniere delle proteine vegetali è oggi quello con la migliore performance, con un +3,1% registrato nei primi sei mesi del 2021 rispetto al 2020 (contro un +2,6% delle proteine animali).

 

In uno scenario in cui la dieta vegetariana non è più una scelta di nicchia ma una tendenza in espansione e avanzano prodotti vegan di “nuova generazione”, si capisce quanto il valore di frutta e verdura sia cresciuto sulle tavole degli italiani. Secondo la FAO e l’OMS, per prevenire malattie croniche quali il cancro, il diabete, le malattie cardiocircolatorie e l’obesità oltre che per ovviare alle carenze di micronutrienti, ognuno di noi dovrebbe consumare almeno 400 grammi di frutta e verdura al giorno all’interno di una dieta sana e varia.

Ma spesso non è possibile, complici la facile deperibilità di questi alimenti e la difficoltà di acquistarli freschi quotidianamente per portarli in tavola. Per ovviare a questi problemi, i prodotti surgelati possono certamente rappresentare un grande alleato e una validissima alternativa.

 

“Pensare che i prodotti vegetali freschi siano più sani e nutrienti di quelli surgelati è errato”, afferma la nutrizionista Elisabetta Bernardi. “Se non si può fare la spesa quotidianamente, alternare fresche insalate a verdure cotte surgelate è un’ottima abitudine da adottare per preservare un regime alimentare sano”.

 

“Un recente studio – conclude la dott.ssa Bernardiha dimostrato che frutta e ortaggi surgelati sono, in molti casi, più nutrienti dei freschi. Gli autori della ricerca hanno misurato, per oltre due anni, il contenuto nutrizionale di tre tipi di prodotti: ‘freschi’, ‘surgelati’ e ‘freschi ma a cinque giorni dalla raccolta’; broccoli, cavolfiori, fagiolini, piselli, spinaci, mirtilli e fragole surgelate avevano un contenuto di vitamina C, beta carotene e folati maggiore rispetto ai freschi conservati per qualche giorno. Pertanto, mentre i prodotti freschi “appena colti” contengono sicuramente le più alte quantità di sostanze nutritive in assoluto, una volta a casa vincono invece i surgelati, perché questi ultimi vengono lavorati a poche ora dalla raccolta”.

Ecco perché, nel mondo anglosassone, non a caso i surgelati sono definiti “long fresh”, poiché sono prodotti che conservano intatte le caratteristiche del miglior fresco, senza rivali per qualità sia organolettiche sia nutrizionali, e al tempo stesso per la possibilità di mantenere entrambe queste caratteristiche per tempi lunghissimi.

 

Infine, dal punto di vista della sostenibilità ambientale, i vegetali surgelati costituiscono i prodotti anti-spreco per eccellenza: la loro lunga durata di conservazione permette di utilizzarli prima che si deteriorino, usando  solo ciò di cui si ha davvero bisogno; la quantità acquistata corrisponde a quella che si mangia (con zero scarti in cucina): si consuma tutto ciò che si acquista e diventa più facile fare anche la raccolta differenziata dei rifiuti; inoltre, si riduce il consumo di acqua nelle proprie case, perché tutti gli ortaggi sono già lavati e puliti e c’è un minore spreco di risorse energetiche per la cottura dei cibi, in quanto i tempi di preparazione sono nettamente più brevi.

 

 

[1] Dati GFK, 2021.

[2] Dati “RAPPORTO COOP 2021”

[3] Ufficio Studi Coop-Nomisma su dati Nielsen, giugno 2021

[4] Dati Nomisma “Osservatorio The World After Lockdown”, Consumer survey, giugno 2021.

 

Maggiori informazioni su IIAS - Isituto Italiano Alimenti Surgelati

L'Istituto Italiano Alimenti Surgelati (IIAS), costituito nel 1963, ha l'obiettivo di tutelare e valorizzare l’immagine dei prodotti surgelati, nonché di promuovere corretti principi nella tecnica di surgelazione, conservazione e distribuzione degli alimenti, allo scopo di favorire la crescita dei consumi di prodotti surgelati in Italia, grazie ad una costante e corretta informazione del consumatore.

IIAS - Isituto Italiano Alimenti Surgelati
Corso di Porta Nuova, 34 - 20121 Milano